BLOG

Slider

Intervista esclusiva a Maurizio Pignotti

Scritto da
Intervista esclusiva a Maurizio Pignotti © Paolo Marchetti

Maurizio Pignotti mi ha stregato con le sue scie. Fotografie ricercate e meravigliose, estasi visive che esaltano la bellezza del mondo. Una tecnica sopraffina che ha deciso di condividere con noi grazie a questa intervista e al workshop che si terrà il 23 Maggio a Siracusa!

 

 

Perche credi nella fotografia e come ti sei avvicinato a questo mondo?

La Fotografia e’ un mondo che ho frequentato sin da ragazzo, diciamo in maniera diversa dall’attuale, per poi evolvermi e prendere nuove strade. Sono sempre stato un grande appassionato di Astronomia , sin da piccolo, usavo i telescopi di vario genere per osservare il cielo e meravigliarmi ogni giorno della sua bellezza. Applicando le prime reflex dell’epoca al telescopio iniziai ad affacciarmi nel mondo dell’Astrofotografia. Poi essendo amante della natura e della wilderness, ho iniziato a fotografare i paesaggi, scivolando poi gradualmente nel paesaggio notturno ambientato, praticamente il mio mondo.

 

Cosa sono i star trails e come si è evoluta la tua tecnica?

Gli star trails, non sono altro che una scia luminosa lasciata da una stella in movimento. Le stelle sono ben ferme nello spazio, ma il nostro pianeta la terra gira sul proprio asse, e di conseguenza le stelle in cielo si spostano, come il sole e la luna. Usando lunghe esposizioni, o scatti intervallati poi sommati si ottiene questo effetto scia. La mia tecnica si e’ gradualmente evoluta, per via delle continue e perseveranti sperimentazioni sul campo, di conseguenza le tecniche si affinano, ma oltre a questo bisogna anche dare un’occhio alla composizione, le geometrie ed il senso artistico dello scatto.

 

Cosa devi tener conto per realizzare uno dei tuoi star trail , ambiente, tecnica, difficoltà ,periodi?

 

Un buon star trail deve abbracciare un ampio angolo di campo, diciamo almeno 114 °, con un grandangolo 14mm si ottiene questo campo. Poi ci si puo’ sbizzarrire con le idee, magari puntando la stella polare e mostrare i cerchi concentrici, oppure verso l’equatore celeste mostrando tutta la curvatura della volta celeste. Importante che si scatti in una zona con poco inquinamento luminoso, altrimenti il risultato puo’ essere pesantemente compromesso, poi ci sono tante altre cose che spieghero’ nel nostro incontro.

 

Ci mostreresti una foto e raccontarci il dietro le quinte ?

Strips che sia una delle mie foto star trails di maggior successo nel mondo, questa foto e’ stata pubblicata in coltre 40 nazioni diverse. E’ frutto di un duro lavoro studiato nel tempo, le grotte marine mi hanno sempre affascinato, ma scattare immerso nell’acqua fino al collo non e’ del tutto semplice, poi vi raccontero’ meglio di cosa sto parlando.

 

Come sei approdato al time lapse e perche?

Il Timelapse e’ un’evoluzione moderna della fotografia, perche’ di fotografia si tratta. Un mondo nuovo ed affascinante, mostrare la bellezza della natura in maniera diversa e cosi’ affascinante mi ha dato la voglia di cimentarmi, e con ottimi risultati direi visto il buon riscontro dei miei video. In questo momento sto collaborando ad un progetto con uno dei piu’ grandi registi documentaristi al mondo. l’anteprima si avra’ a huston nel texas maggio 2016, poi verra’ diffuso in tutto il mondo nei canali BBC,National Geographic, Discovery Scence.

 

 

Da cosa deriva, quali fonti di ispirazione ha la tua fotografia?

La mia fonte di ispirazione fotografica e’ l’alchimia che si crea tra me e l’ambiente circostante, tutte le mie avventure fotografiche si svolgono in solitaria, rischiando anche un po’, ma le emozioni che si sprigionano sono fortissime, io cerco di immedesimarmi e ritrasmettere certe emozioni nelle mie foto.

 

 

Perché fare un workshop con Maurizio Pignotti ?

Sto creando dei Workshop diversi dal solito, incontri con tecniche inusuali ed innovative, con me si puo’ esplorare il mondo della fotografia a 360° dal giorno alla notte fino ad arrivare al video in Timelapse.L’uso delle attrezzature e dei software, ma soprattutto linventiva e la fantasia fanno di me un personaggio piuttosto conosciuto nell’ambiente della fotografia notturna, sono stato considerato tra i migliori 8 fotografi notturni al mondo da un’importante testata Americana.

 

Vai al workshop

 

 

ultimi articoli

Corso avanzato di fotografia a Catania & Extreme sport photography Workshop

Cosa succede dopo 3 giorni di corso di fotografia ? leggetelo attraverso le parole di chi ha partecipato

Steve McCurry a Palermo - Visita di Gruppo da Siracusa, Noto e Catania

Slider

YOUTUBE CHANNEL

INSTAGRAM

newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità targate Slowmotion? Iscriviti alla nostra Newsletter!