Slowmotion - Viaggi fotografici e Workshop di Fotografia
 

Viaggiare e fotografare sono le due entità che ogni mattina mi buttano giù dal letto, sono la mia sveglia e la mia carica, Il viaggio ti cambia e ti forma.

 

Avevo appena trascorso un mese in un Igloo, vivendo tra neve e montagne. Il mio mezzo di trasporto era la tavola da snowboard e il mio compito quello di realizzare il  reportage della costruzione dell'Igloo più grande al mondo.  ( ecco il video https://www.youtube.com/watch?v=k9YrHXzAbfA )

 

Sembrava un sogno eppure ero li,  con la neve che ricopriva la macchina fotografica, un sorriso stampato nel mio volto e mani sempre congelate.

 

Tornato in Italia, soddisfatto e ancora esuberante  ricevo un messaggio da un editor Cinese. Dovevo ripartire, questa volta le montagne sarebbero state colossi di metallo e vetro e  il mio compito quello di raccontare la storia di una delle citta à più grandi al mondo: Shanghai.

 

Shanghai conta oltre 24 milioni di persone pari al numero di stelle che potevo contemplare dall'alto dei monti qualche giorno prima. Questa volta si trattava di un libro intitolato People of Shanghai. ( ecco la presentazione https://www.youtube.com/watch?v=DljumaurnZE )

 

Il briefing del mio editor era chiaro:  Dovevo riuscire a narrare  le sottigliezze e sfumature di Shanghai attraverso le persone che avrei incontrato e fotografato.

 

Ho trascorso un mese per le strade della metropoli cinese, scoprendo, intervistando, fotografando e giocando con tutto quello che mi circondava come fossi in bambino. Dopo un mese di intenso fotografare  avevo ottenuto oltre 150 ritratti di stranieri che avevano condiviso con me la loro Shanghai, I loro desideri, speranze e timori

 

Shanghia non aveva più un volto ed una voce, bensi un coro formato da tante personalità , ognuna diversa dall'altra.

 

Nell'arco di 3 mesi, ne avevo trascorsi 2 fotografando nei posti più impensabili al mondo e uno organizzando una mostra dedicata al viaggio. ( date un’occhiata alla mostra http://www.viaggioverso.it/ )

 

birthday jason 38

 

Non posso fare altro che ringraziare ogni giorno quel momento in cui ho deciso che lo strumento fotografico mi avrebbe aperto le porte del mondo.

 

La fotografia nasce per passione, desiderio di raccontare e voglia di viaggiare.

 

Il viaggio mi spinge a fotografare e la fotografia mi istiga a viaggiare.

Non so cosa venga prima, quale sia la la forza trainante,

so solo che ognuna è diventata la  causa e il risultato allo stesso tempo.

 

Viaggiare e fotografare sono le due entità che ogni mattina mi buttano giù dal letto, sono la mia sveglia e la mia carica

Ogni volta che mi sento stanco insorge  una meta lontana, un progetto fotografico o il desiderio di una nuova partenza e questo basta a recuperare tutta l'energia e la passione necessaria ad affrontare il mondo circostante.

 

Il viaggio ti cambia e ti forma.

E' un insegnante indulgente e severo.

 

La fotografia mi permette di condividere i miei viaggi con tutti coloro che vedranno le mie foto. Ma principalmente la fotografia mi concede di vivere un'altra dimensione di viaggio.

 

Mi sono reso conto di come lo strumento fotografico abbia cambiato radicalmente il mio modo di esplorare e viaggiare.

 

La voglia di comunicare mi porta ad abbattere tutte le timidezze ed estendere i miei limiti. La fotografia diventa il mio passaporto verso la vera cultura del luogo. La chiave di accesso all'anima dei posti che visito e delle persone che incontro.

 

Nell'arco degli anni la capacità di osservazione si è affinata cosi come l'attenzione periferica che mi permette di notare ogni piccolo dettaglio e cambiamento nell'ambiente circostante.

 

Viaggiare Mi rende vivo, fotografare mette in contatto il mondo esterno con il mio “io” più profondo.

 

Rivedendo i miei ultimi due reportage mi rendo conto dell'importanza sociale del viaggio. Coloro che riescono a concedersi alla tentazione del vagabondaggio torneranno con una coscienza e sendibilità diversa.

 

Viaggiare ci insegna ad affrontare sfide sempre nuove, ad accettare il diverso e capire che nulla è normale.

Ci costringe ad essere umili osservatori e attenti cittadini del mondo. Si torna profondamente diversi dopo ogni viaggio.

 

La natura nomade dell'essere umano è nascosta da qualche parte nell'io di ognuno di noi. La necessità di evadere e di cambiare è intrinseca nella nostra specie. il grado in cui riusciamo ad esternare questa indole dipende da noi, dalle nostre credenze e dalle nostre paure.

 

Quando ai miei corsi mi chiedono “come faccio a diventare un fotografo di viaggio?” “come faccio a crescere fotograficamente?”

 

La mia risposta è sempre la stessa: datti un obiettivo, un tempo massimo, poi prepara lo zaino con l'essenziale, carica le batterie, esci dalla tua zona di conforto e viaggia

.

Non devi andare dall'altro capo del mondo o fuggire nei bosci. Il viaggio inizia sapendo osservare diversamente. Cimentandosi in qualcosa di nuovo.

 

La vera fotografia nasce li, in quel fertile substrato di insicurezza e curiosità. Non esistono errori o fallimenti ma solo lezioni che non potremmo mai avere se non iniziamo ad agire.

 

Viaggiare è più facile di quanto si pensi. Più economico e sicuro di quello che ci si aspetta. Tutto dipende dalle domande che ci poniamo e dalle nostre aspettative.

Che riusciate a vendere o meno il vostro reportage o le foto del vostro viaggio è secondario rispetto all'esperienza guadagnata ogni volta che si varca la porta di casa verso qualcosa di nuovo.

 

Il viaggio perfezionerà la vostra sensibilità e di conseguenza la vostra abilità fotografica.

La fotografia vi spingerà a viaggiare verso luoghi ed esperienze nuove che vi permettarano di espandere le vostre conoscenze ed esperienze visive.. Tutto questo divertendovi come pazzi :P

 

10644416 889853794373200 209647518154062303 o

 

Vi do qualche consiglio assolutamente personale e delle letture e preferenze che mi aiutarono a condizionare la mia mente verso l’idea di viaggio che ho adesso:

 

- Viaggia ogni giorno, osserva come non hai mai fatto prima. Presta attenzione ad ogni dettaglio. Posa il telefonino e osserva i volti, l'architettura, gli atteggiamenti di chi vi sta accanto. Il semplice tragitto casa accademia può essere un viaggio inaspettato.

 

- Cerca delle comunità o dei soggetti che stimolano la tua curiosità, esci dalla tua confort zone e vai ad intervistarli.

 

- Incomincia a mettere da parte una somma irrisoria ogni settimana. fissa un obbiettivo e ogni volta che stai per spendere un euro inutilmente pensa a biglietto del tuo aereo.

 

- Incomincia a dire ai tuoi amici dove andrai. Creerai  delle aspettative che non vorrai deludere!

 

- Ogni settimana o almeno 2 volte al mese vai in un posto nuovo o incontra gente nuova! Viviamo in luogo magico e spettacolare e conosco fin troppe persone che viaggiano per il mondo ma non hanno mai esplorato la loro terra.

 

- Leggi dei libri cult della filosofia del viaggio ( ti consiglio quelli che ho letto e che continuo a sfogliare) :

 

Vagabonding - Rolf Pott ( pericolossissimo)

Bruce Chatwin

Tiziano Terzani -  Un altro giro di giostra

La filosofia del viaggio - Michel Onfray

Nelle terre estreme: Into the Wild di Jon Krakauer e Laura Ferrari

Viaggi e altri viaggi di Antonio Tabucchi

Sognando l'infinito. Come ho fatto il giro del mondo in bicicletta di Paola Gianotti

In un paese bruciato dal sole. L'Australia di Bill Bryson ( autore divertente e completo )

In vespa Da Roma a Saigon di Giorgio Bettinelli

Walden - Henry David Thoreau ( altro libro irrequieto )

 

- Leggi biografie di altri viaggiatori:

 

- Studia i reportage di viaggio e non solo dei grandi fotografi ( alcuni dei miei preferiti )

 

Jimmy Chin

Randy Olson

Corey Rich

Jimmy Nelsson

Art Wolfe

Sebastiao Salgado

James Nachtwey

Steve McCurry

Annie Leibovitz

Frans Lanting

Robert Frank

Elliot Erwitt

Buon viaggio

 

“Se uno avanza fiducioso in direzione dei suoi sogni, e si sforza di vivere la propria vita come l'ha immaginata, incontrerà un successo inatteso in situazioni normali.” D-Thoreao

 

2014 06 07 20.32.35

 

Pubblicato in Fotografia di viaggio

Essere un fotografo non significa diventare un  professionista.

Riuscire ad apprezzare il gesto fotografico, essere spinti dal desiderio di uscire e scattare non è un privilegio esclusivo di che ha fatto della fotografia un mestiere, anzi...

 

Il Piacere dello scatto è qualcosa che tutti dovrebbero provare e approfondire.

 

Di seguito scrivo alcuni dei motivi per cui credo che essere un fotografo sia un privilegio. 

 

Nota: Per evitare discussioni sulla professione del fotografo è necessario chiarire che ognuno scatterà in base alla propria sensibilità, cultura e dedizione. Per fotografo intendo il senso letterare del termine " colui che scrive con la luce"  , quindi chiunque utilizzi il mezzo fotografico.

Che l'arte della fotografia, i professionisti, i photo reporter, i grandi fotografi, ecc appartengano ad una sfera completamente differente non c'è dubbio! 

 

I motivi: 

 

- catturare ricordi che potrai rivedere e rivivere per sempre ( il punctum dell'immagine fotografica secondo Barthes ). 

Sembra scontato, ma pensate a quanto una fotografia riesca a toccare i tasti giusti della nostra memoria

 

- osservare la bellazza nella quotidinetà

Riuscire a percepire il fascino delle piccole cose e viverle nel presente. 

 

- notare i dettagli 

La fotografia ti invita per natura a cercare i dettagli e conoscere meglio ciò che ti circonda

 

- vivere il presente

La fotografia esiste sono nel presente. Lo scatto avviene in quel preciso momento. L'uomo tende a vivere nel passato e nel futuro, fotografando , tutto ciò che conta è qui e adesso

 

- documentare la tua famiglia

Nulla di più bello che avere delle immagini della propria famiglia

 

- dimenticarti per qualche istante dei tuoi problemi 

Vivendo nel presente , i problemi e le preoccupazioni scemano durante lo scatto .. si attende l'attimo decisivo, l'espressione, la luice .. e tutto svanisce...

 

- la fotografia è una valvola di sfogo creativa

tutti noi abbiamo bisogno di stimoli mentali e valvole di sfogo. La fotografia fa proprio questo

 

- si crea

Fotografare significa creare, organizzare visivamente gli elementi della nostra composizione in un processo crea-tivo

 

chinese_new_year_2013people_of_london_64.jpg roberto zampino

 

- è una sfida

cercare il luogo, scegliere l'ora, scattare al momento giusto, trovare le giuste persone, realizzare immagini nuove ... fotografare è una sfida con se stessi 

 

- racconti una storia

Per immagini si può raccontare. La grande fotografie insegna che i racconti fotografici sono in grado di avere un impatto nella società

 

- Le tue avventure saranno imperiture

le foto saeranno il ricordo più bello.. immagini che ogni anno che passa rievocheranno momenti di avventure passate.

 

- ti spinge in luoghi dove non sei ( e probabilmente non saresti mai ) stato 

Per fotografare ciò che amiamo sarai costretto a muoverti. Esplorare e spesso andare in luochi dove altrimenti non andresti. Chi di noi non ha pensato di voler scattare l'aurora boreale.. e purtroppo non si trova a meno di qualche migliaio di km 

 

- ti aiuta ad avvicinarti a ciò che più ti interessa

Ho iniziato a fotografare il climbing e questo mi ha portato ad esserne più coinvolo. Ho fotografato popolazioni remote e mi sono avvicinato a loro, vivendo come loro...fotografare ti spinge ad avvicinarti a ciò che ti interessa

 

11539194_1628936170655533_6508668485942396378_o.jpg

 

- provoca emozioni

Osservare fotografie provoca inesorabilemente emozioni. suscita l' allegria, provoca disdegno, tristezza, scalpore, curiosità. La fotografia è comunicazione e in base a ciò che si comunica si ottengono reazioni differenti

 

- fa pensare te e chi osserva le tue foto

Una fotografia deve interrogare e creare domande. Chi osserva una foto viente sottoposto ad mondo parallelo di cui noi conosciamo soltanto l'apparenza soggettiva in quel determinato momento. 

 

 

- ti insegna a conoscere te stesso ( vedi anche le 50 cose che la fotografia mi ha insegnato )

fotografare ti mette di fronte a problematiche e situazioni che ti faranno scoprire chi sei veramente. Non esiste imbroglio, non esistono menzogne quando si fotografa. Sarai TU giudice di te stesso.

 

- ti permettere di condividere i tuoi momenti con le persone che ami

Happiness is real when shared - la felicità è vera quando è condivisa... 

 

- impari ad apprezzare il lavoro dei grandi fotografi

Quando si inizia a fotografare si incominciano a conoscere i grandi fotografi e si rimane stupiti dalla bellezza e dalla forza dei loro lavori... 

 

steve-mccurry-4_2451162k.jpg

 

- la fotografia la si può praticare ovunque e in ogni momento

con il cellulare, con la macchina fotografica, a casa studiando il prossimo progetto, al parco con i bambinbi.. la fotografia non ha luogo ne tempo

 

- ti aiuta a creare relazioni e connessioni 

Io riesco a socializzare quasi escusivamente se ho la macchina fotografica in mano ! uno scatto può creare delle ralazioni inaspettate. Anche condividere e mostrare i propri scatti costruisce delle relazioni tra voi, la foto e chi osserva.

 

scicli_workshop_bioturismo_slowmotion_-_cavalcata1_9_copy.jpg roberto  zampino

 

- documenta la storia

La fotografia nasce come documentazione - grazie a questa, conosciamo relatà storiche e attuali che rimarranno nella storia

 

- è divertente ed eccitante!

preparare la borsa fotografica, decidere l'attrezzatura, andare a scattare ,,, nulla mi diverte ed eccita di più 

 

- le macchine fotografiche in se sono degli oggetti che attraggono

Lo strumento fotografico in se stesso è un bell'oggetto. elegante, dalle linee  sinuose. Sembra creato per essere fotografato

 

- crei la tua reallà

Fotografare ti permettere di scegliere la tua porzione di realtà ...

 

lisbona - lisboa - roberto zampino

 

- non esistono limiti alla creatività

... e questa porzione di realtà non ha limiti. E' tua e ne fai ciò che vuoi

 

- la fotografia è un processo in continuia evoluzione  

non si finisce mai di imparare e voler fare. lo stile e gli interessi cambiano ed evolvono. la fotografia cresce insieme a noi.

 

- la fotografia puo' diventare un processo riabilitativo 

mettersi alla prova, impegnarsi, vivere il presente, affrontare una relazione con un estraneo e tanto altro concede alla fotografia un attributo quasi terapeutico e riabilitativo. 

 

- ti permette di viaggiare nel tempo

Prendi una fotografia di 5/10 anni fa .. guardala e dimmi se non hai un sorrisino nostalgico che ti si apre in volto. 

 

- se fatta in un certo modo potrebbe diventare una risorsa economica

Chi riesce , potrebbe anche trasformare questa passione in una professione. Attenzione a non credere che sia facile.

Come ogni professione occorrerà studiare, applicarcisi, essere padroni del mezzo e diventare degli imprenditori. Poi ci Sono le Tasse, i clienti, i lavori commissionati che ci piacciono.... sei sicuro che vuoi proprio questo dalla fotografia?

Tuttavia chi percorre un percorso costante e impegnato vedrà le sue fotografie diventare sempre più riconosciute e la sua passione darà i frutti meritati

 

- E' un amore che contua a crescere 

 

Chi ha  sperimentato la fotografia e ne è stato travolto si renderà conto che si tratta di un amore che cresce e si sviluppa.

Come ogni amore ho pensato che fosse svanito, che non amassi più. Che era finita. Che fosse solo dolore e illusioni. Ho avuto aspettative superiori a quello che poi è stato. Ho creduto di essere stato tradito .

Ma alla fine l'amore vince .. Si deve solo vivere il presente 

 

Tutti posso essere fotografi e giovare dei benefici di questa passione.

 

Prendi una macchina fotografica, una qualunque e inizia a scattare.

Pratica, prova, sperimenta e capirai tu stesso perchè scattare fotografie è cosi incredibilmente coinvolgente e appagante ... 

 

10993958_10205325353166362_7532937331724889585_o.jpg

 

Adesso è il tuo turno: 

 

Quando è stato il tuo primo contatto con la fotografia e come si è sviluppato ?

Pensi ad altri motivi per cui essere dei fotografi ?

 

Buona luce!

Pubblicato in Vario


In occasione della giornata mondiale della Filosofia e in collaborazione con Nuova Acropoli Floridia vi invitiamo a partecipare al concorso fotografico

 

"Amore è Rinascita: Nella Natura, nella Solidarietà, nella Conoscenza "

 

Il concorso è aperto ad amatori e professionisti con nessun limite in termini di attrezzatura ed espressione fotografica.

Si potrà partecipare con un massimo di 3 fotografie nelle categorie Foto Singola e Storia

 

La storia:

3 fotografie che raccontano e hanno una consequenzialità. immagini correlate che trasmettono un emozione/storia/visione in 3 scatti

 

Foto singola

La fotografia che più incarna visivamente e concettualmente il tema trattato.

 

Modalità di Partecipazione

 

I partecipanti dovranno inviare le foto a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. in formato JPEG compresso, non superiore a 2 MB 

Si potrà partecipare con immagini Instagram utilizzando l’hastag #amoreefilosofia ,

 

I vincitori

 

La giuria premierà una storia e una fotografia singola.

Entrambi i vincitori potranno usufruire di un Corso di fotografia o Workshop per il valore di 250 Euro e Un corso di Filosofia

 

La giuria

 

A giudicare le fotografie saranno due fotografi, due esperti in filosofia e il Sindaco di Floridia. 

Il criterio secondo cui si sceglierà il vincitore è l'attinenza con il tema legato alla capacità espressiva ed emotiva della fotografia. 

 

 

LOCANDINA_GMF_2015.jpg

Pubblicato in Competizioni

La fotografia come conseguenza, Un mezzo per suscitare domande.


Parte così il workshop di due giorni sulla fotografia documentaristica che ha stregato i moltissimi partecipanti. Paolo Marchetti, instancabile, si è concesso senza sosta , rivelando la sua umanità, professionalità e il metodo con il quale ha conquistato l'editoria internazionale e tutti i più grandi Awards e Grants.

Non è stato un workshop di fotografia, ma un continuo immergersi in storie e vite, un elogio all'umiltà e all'amore per ciò che si fa. Sono certo che tutti noi siamo tornati a casa leggermente, se non profondamente cambiati.

Durante Il workshop, Paolo ha presentato alcuni dei suoi lavori più importanti discutendo dell'intero processo, dalla concezione dell'idea alla pubblicazione. 

 

 

Screen_Shot_2015-03-31_at_12.57.51.png

View the embedded image gallery online at:
http://slowmotiontravels.com/it/blog/tag/amore#sigProIdd6a2dc2359

 

 

In seguito alcune note registrate durante i magnifici giorni insieme.


Non c'è foto se non ci siamo noi dentro


- La fotografia è conseguenza dell'esperienza, non è altro che l'ultimo anello


- La fotografia è l'unica arte "fuori da noi" , la scrittura, la pittura viene da dentro, la fotografia ha bisogno di qualcosa "la fuori"


- Dobbiamo avere la curiosità di un bambino. Essere sempre curiosi della vita


- Ricordatevi di fare delle fotografie con il vostro soggetto e non del vostro soggetto, dovete fare i conti con voi stessi.


- Ho avuto il privilegio di amare la fotografia


- Per realizzare una buona foto si deve partire da noi stessi , non dalla foto


- Onestà e pura curiosità, ecco la mia fotografia


- Fotografare significa assumersi delle responsabilità d dire qualcosa e fare cultura


- In Fever Non mostro la rabbia espressa, non giudico. Quello che voglio raccontare è una rabbia silente in persone che sono come noi.


- Devi innamorarti della tua idea e seguirla


- Chiediti sempre , "cosa voglio fare con le mie foto?"


- Io sono la mia unica fortuna


- I fallimenti sono uno stimolo per andare avanti


- Quando ho una macchina fotografica in mano divento la persona che vorrei essere 


- La fotografia deve aggiungere delle domande


- L'editing è il "come te lo dico" - è la vostra identità 


- Il principio base è esserci, 


- Ogni problema tecnico sviluppa delle conseguenze creative


- Fotografo guardando in "metafora"


- La semplicità è potentissima


- La fotografia è il suo contenuto


- Non date tregua alla sfiga


- Pensate a delle foto che siano i verbi e altre che siano le virgole delle vostre storie.


- La fotografia è tutto ciò che decidi di lasciare fuori


- Raggiungere l'essenza : forma - essenza - semplicità


- Lasciatevi a casa il "lo faccio domani"


- Prima di lavorare sui vostri lavorate su voi stessi, dovete avere un atteggiamento aperto nei confronti della vita!

 

"Che i siciliani fossero un bacio lento sul cuore lo sapevo...ma tanta generosità mi terrà al caldo per molto tempo.."


View the embedded image gallery online at:
http://slowmotiontravels.com/it/blog/tag/amore#sigProId28aedbdc15


I commenti dei partecipanti al workshop


Una grande persona prima che un grande fotografo, un gruppo curioso e instancabile, un weekend che, tra riflessioni, cibo e risate, ha lasciato il segno! Grazie Paolo Marchetti, è stato un onore lasciarci ispirare da te! #‎livingadream 

 

Staff Slowmotion



Non mi piace chiamarlo Workshop..lo trovo riduttivo.
Sono stati 2gg intensi, di ascolto, di opinioni, di racconti, di esperienze.
Ho visto una purezza d'animo non comune, una passione per la fotografia che fà urlare il cuore di gioia.
Un'infinita umiltà nel far conoscere senza necessariamente esaltare il proprio Ego.
La rara capacità di osservare senza giudicare, una trasparenza e un'onestà nel racconto.

Ascoltare gli insegnamenti e trarre giovamento dagli stessi è un'esperienza che ti fortifica, che lascia una traccia, che scuote e fà urlare qualcosa dentro.
Decidere di cavalcare un'onda sconosciuta è un pò una sfida: vieni investito in pieno e adesso non vedi l'ora di potere rivivere quel momento.
Se un giorno mai avrò l'occasione di sfogliare le pagine della mia vita, sicuramente partirebbe un sorriso nel ricordo puro di questi giorni.
Una spremuta piacevole,esilarante,emozionante. 
Sono fiera di avere dedicato il mio tempo in qualcosa di costruttivo. 
Insegnare è imparare due volte.

Ps: Quando le corde delle emozioni vibrano hai fatto centro. Colpita ed affondata!
Grazie Paolo,

 

Norma



Due giorni intensi di vera fotografia, ma non solo, ho avuto il piacere è l'onore di conoscere @Paolo Marchetti, mi ha riempito il cuore è aperto la mente! Grazie Paolo!

 

Marco Pasqua



The privilege to meet someone who is highly inspiring from a deep perspective of the core of true life. View's the world from the root revealing the pains & suffering of humans, transpiring this into a Vivid truth of how we humans passes trough 'The Journey of Life' without noticing that They, You and Me have a Choice and a Voice to make a difference. The Change begins with you... I'm extreme Thankful to have met Paolo Marchetti, Short exchange yet powerful.

 

Sunita


 

 

Commossa... Estasiata.... Torno col magone ma con tante belle emozioni e parole! Grazie Paolo Marchetti, 

 

Mirandolina


 

Viaggio in Thailandia?

Dopo questo primo incontro ne seguiranno sicuramente altri. Intanto si parla di un viaggio in Thailandia con Lui! 7 giorni per imparare e condividire questo amore per la vita e la fotografia. Solo i primi 6 massimo 8 potranno accedere al workshop - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Leggi l'intervista a Paolo Marchetti

 

11071598_1601245183424632_98243633147191724_o.jpg


Pubblicato in Workshop