BLOG

Slider
Giovedì, 10 Dicembre 2015 20:58

Workshop e corsi di fotografia prima metà 2016

Il 2015 è stato un anno favoloso. Alcuni dei più gran di fotografi italiani e intarnazionali sono stati ospiti di Slowmotion proprio qui, nella bellissima Siracusa.

 

I workshop e i corsi sono stati veri e propri momenti di crescita tanto fotografica quanto personale. Aver incontrato questi personaggi ci ha ispirato, fomentanto i nostri desiderie e le nostre passioni.

Ogni corso ha avuto le sue caratteristiche e ognuno ha lasciato il segno.

 

Considerando i feedback positivi del 2015 - abbiamo deciso di investire nuovamente nella cultura fotografica.

Una piccola realtà come Siracusa ha bisogno di stimoli, e lamentarsi non produce mai nulla di nuovo. Si deve fare! Ed è questo il nostro motto - fare e osare! 

 

Il 2016 sarà ricco di viaggi, workshop, corsi, uscite fotografiche, mostre e tante sorprese.. tutto in puro stile SLOWMOTION

 

12143262_10206730792461912_2974586397193786267_n.jpg

 

Il primo dei Nostri Ospiti sarà il pluripremiato  Paolo Marchetti.

Da quest'anno è diventato fotografo National Geographic (slowmotion avrà portato fortuna?) e terrà un workshop sulla fotografia documentaristica .. che è molto più una vera e propria lezione di vita.

Tratteremo di Fotografia documentaristica, fotogiornalismo, premi, progetti awards e letture portfolio. 

 

Paolo è uno dei fotografi più importanti a livello internazionale e assolutamente

 colui che ha vinto più awards nella storia della fotografia con oltre 80 awards internazionali tra cui Worldpressphoto, POY, Alexia Foundation, lensculture e la lista continua).. come farà?

tante le domande che suscitano i suoi lavori e i suoi premi e avremo tanto tempo per farci rispodere!

 

un workshp da non perdere : ecco l'esito dell'incontro dell'anno scorso http://www.slowmotiontravels.com/it/blog/termina-un-workshop-che-ha-lasciato-il-segno-paolo-marchetti-a-siracusa.html ... leggete e ne rimmarrete stupiti!

 

"Non è stato un workshop di fotografia, ma un continuo immergersi in storie e vite, un elogio all'umiltà e all'amore per ciò che si fa. Sono certo che tutti noi siamo tornati a casa leggermente, se non profondamente cambiati.

 

 

paolo_marchetti.jpg

 

Anche quest'anno Il grandissimo Maurizio Pignotti riconferma la sua presenza proponendo un workshop stellare

con colpi di scena, time lapse, editing, uscita noitturna e tanto ALTRO. 

 

Nel 2015 Questo workshop ha attratto corsisti da tutta europa e la nostra piccola cittadina ha avuto il privilegio di essere immortalata da un fotografio del calibro di Maurizio.

 

Ecco l'esito del workshop dell'anno scorso e qualche immagine realizzata durante il l'uscita in notturna http://www.slowmotiontravels.com/it/blog/maurizio-pignotti.html

 

 

maurizio_pignotti.jpg

 

Una novità escusiva di quest'anno è il corso intermedio firmato Slowmotion - con il poliedrico ed ecclettico Roberto Zampino

 

Il corso mira a dare una formazione avanzata al corsista senza però incentrarsi sul lato  business della fotografia.

Tratteremo alcune tecniche di fotoritocco, lightrooim e ripresa ... sempre nello stile allegro e vivace tipico dei nostri corsi.

 

date un occhiata a questo link sulla composizione per avere un primo assaggio della metodologia http://www.slowmotiontravels.com/it/blog/composizione-fotografia.html 

 

intermedio.jpg

 

Non poteva mancare il Corso base! un Classico che si aggiorna ad ogni edizione e regala ogni volta delle emozioni uniche.

 

Il primo approccio alla fotografia deve essere delicato, comprensivo ma passionale. Si deve amare la fotografia per trasmetterla, ma soprattutto si deve avere energia e passione e di certo non ci mancano qui a Slowmotion.

 

Roberto Zampino, fotografo professionista, laureato in fine arts  e con un master a Londra in fotogiornalismo e documentary photography

vi seguira passo dopo passo verso una maggiore padronanza del mezzo fotografico fino ad arrivare al mondo delle idee, della composizione e dei grandi fotografi. 

 

Lo scopo di un corso di fotografia oltre che insegnare deve essere quello di far venire voglia di fotografare! Deve accendere il fuoco della creatività dando suggerimenti e instigando la curiosità. 

 

Vi elenco qualche esempio dei nostri corsi ... poi giudicherete voi :) http://www.slowmotiontravels.com/it/blog/oltre-il-workshop-dietro-le-quinte-di-un-corso-di-fotografia.html

Questo invece un esempio di lezione : Fotografia di Viaggio http://www.slowmotiontravels.com/it/blog/lezione-sulla-fotografia-di-viaggio-tra-sogni-e-idee-con-gli-studenti-dell-accademia-di-belle-arti-di-catania.html

Vivere senza sogni  è il vero rischio. L'immobilità e la passività sono alla base dell'infelicità. Volete qualcosa nella vita? andate a prenderla. 

 

base.jpg

 

Il corso avanzato, ormai nella sua quarta edizione è dedicato all'amante della fotografia che vuole approfondire le tecniche legate al business dell'immagine.

 

Discuteremo di porfolio, social, wedding, ritratti e tutto quello che solitamente non viene dettoin merito a tecniche, post e clienti . Un assaggio? Date un occhiata a come diventare un fotografo di succeo e avere un portfolio di successo http://www.slowmotiontravels.com/it/blog/come-realizzare-un-portfolio-fotografico-di-successo-e-trattare-con-il-cliente.html )

 

avanzato.jpg

 

I segreti di lightroom, con Giuseppe Andretta , ambassador Leica Akademie

Oltre ad essere un affermato fotografo, è uno dei più autorevoli esperti italiani di postproduzione digitale e gestione del colore.

Un workshop esclusivo e full imeersion alla scoperta della camera oscura digitale più utilizzata al mondo 

 

 12357063_827581197351179_6398165976465342617_o.jpg

 

 

Fare un workshop o un corso con slowmotion equivale a molto più di teoria fotografia.

Qui si respira fotografia e vita.

I nostri fotografi sono tutti espereti, qualificati e riconosciuti a livello internazionale .

Proponiamo sempre spunti fotografici e uscite che mettono a rischio la vostra pigrizia !

 

Per i primi 10 che  prenotano uno dei nostri workshop/corsi di fotografia verrà applicato uno sconto del 10% !!! solo entro dicembre 2015 

 

Buona luce:

Staff Slowmotion 

 

Pubblicato in Eventi

Samuel Marchese e Martino Florio vogliono lanciare un messaggio importante attraverso la loro impresa. Roberto Zampino li ha seguiti in pattini.

 

18 tappe, tanti km e tanta voglia di portare un messaggio di speranza e determinazione. Da poco si è concluso Il giro d’Italia in handbike che i due atleti Samuel Marchese, 16 anni e Martino Florio, 49 hanno compiuto.

 

Partiti da Siracusa sono entrati trionfanti all’expò di Milano accolti da televisioni e radio. Con loro ha fatto ingresso anche un monito di speranza, una denuncia contro l’indifferenza e  la voglia di dimostrare che , come dice Samuel  - “la disabilità e negli occhi di chi la guarda” .

 

samuel  martino 1 82 copy

 

Il Reportage

Ho accettato ben volentieri di accompagnare questa allegra combriccola nella loro avventura. Conobbi Samuel per uno shooting "tour fotografici per tutti" e questo ragazzino timido mi fece subito simpatia.

Qualche settimana dopo Il padre, colonna portante del viaggio e infaticabile trasportatore di bagagli, veicoli, bevande e carrozzine, mi propose di unirmi alla loro carovana per raccontare la storia di un ragazzino che voleva dimostrare qualcosa al mondo. Io accettai immediatamente.

 

Il giro d'Italia ha subito continue posticipazioni dovute a promesse non mantenute e sponsor evanescenti.

Samuel è ancora nell'età in cui ogni cosa è possibile e a tutto si può rispondere con un leggero "e va bè!" e con la determinazione di un promettente atleta ha deciso che l'expò sarebbe stata la sua prossima meta ad ogni costo.

 

Le 18 tappe sono state segnate da spiacevoli inconvenienti e gioiose  conquiste . Una marcia a suon di pedalate che mi hanno aperto un mondo prima a me sconosciuto. Non tanto il significato sportivo dell'impresa ma l'umanità, l'amore e la voglia di non essere invisibile dietro ogni km.

 

samuel  martino 1 8 copy

Cosa ne sappiamo noi della disabilità?

Magari voi che leggete siete uno dei tanti che per premura parcheggia in un posto riservato ai disabili. Che saranno mai 5 metri, quelle strisce gialle, 2 minuti dentro al supermercato? Che ne sappiamo noi di centinaia di persone in un centro di Riabilitazione di Montecatone  che cercano di riprendersi dopo un incidente?

 

Grazie a Samuel e Martino ho potuto osservare e conoscere una realtà nuova.

La vita ci riserva continuamente delle sorprese inattese, quello che possiamo determinare noi è il come reagiamo.

Il viaggio di Martino e Samuel è un nobile gesto che sottolinea la necessità dell'essere umani di mettersi in gioco. 

Si deve dare sempre il massimo con ciò che si ha, dice Martino, che  ha detenuto il primato mondiale di immersione.  Tuttavia ci si scontra con una dura realtà che cerca di mettere letteralmente i bastoni tra le ruote delle loro handbike e sedioline a rotelle.

 

Si vive in una società assistenzialista, dove la disabilità viene creata. Si pensa che chi è in sedia a rotelle debba essere costantemente  assistito creando inconsapevolmente delle barriere nel modo di progettare e pensare.

 

Quello che hanno dimostrato SAmuel e Martino è la necessita di una cultura integrativa che non ghettizza il diverso o il disabile ma che lo include.

La cultura alla disabilità è ancora retrograda e superficiale. Molti degli hotel in cui siamo andati ci avevano promesso L'accessibilità che giunti sul posto si rivelava fittizia o inesistente.

Questo reportage si è trasformato in qualcosa di più profondo della semplice narrazione di un viaggio.

 

Come tutti i racconti  archetipici basati sul "viaggio dell'eroe" , la nostra avventura è permeata da un  significato profondo  che si cerca di trasmettere attraverso il viaggio .

Essere stato parte di questa carovana mi ha dato molti spunti su cui riflettere e riempito il cuore di determinazione e voglia di mettermi in gioco. Come dice Samuel: " se io posso farcela, qual'è la tua scusa per non farlo"

 

L'attrezzatura utilizzata per il reportage

Per seguire il reportage avevo bisogno di una strumentazione leggera, versatile e che mi desse il massimo della qualità.

Inoltre per riuscire ad ottenere immagini uniche ho deciso di seguire tutte le tappe con i miei pattini in linea (completamente consumati al termine dell’impresa)

 

Chissà cosa pensavano gli automobilisti quando incrociavano una banda variopinta fatta di 2 strani veicoli a 3 ruote, 2 tizzi che sfiorano l’asfalto, un folle con una macchina fotografica sui pattini, che a tutta velocità “gira vota e furria” (direbbero in siciliano) pur di scattare delle fotografie, il tutto seguito da due furgoni malconci, un cane affacciato dal finestrino e un paio di pattuglie della polizia, carabinieri o quel che sia. Io adoro il mio Lavoro!

 

Tornando all’attrezzatura, ho utilizzato:

- Fujifilm X T1 con 27mm 18 – 135mm 10 – 24mm

- Canon 6d con sigma art 35mm

- GoPro Hero 4 

- Roces (pattini)

 

«La disabilità è negli occhi di chi guarda»

Questa impresa nasce dalla nostra grande passione per lo sport e per la vita. Stiamo facendo questa traversata dalla Sicilia fino all’Expo di Milano proprio per dimostrare a tutti che la disabilità non esiste, perché non ostante le nostre difficoltà riusciamo a raggiungere i nostri obiettivi. Il nostro gruppo si chiama Freedom Angels perché ci sentiamo liberi di affrontare qualunque sfida,  la forza che ci consente di superare gli ostacoli non è quella fisica ma quella della volontà e della caparbietà. Quello che voglio dire a chi ha la perfezione nel fisico ma non riesce a mettersi in gioco nella vita è: se io posso farcela, qual è la tua scusa per non farlo?”. Samuel Marchese

 

Rassegna Stampa

 

http://buonenotizie.corriere.it/2015/08/13/samuel-marchese-vede-il-traguardo-destinazione-expo/

http://www.siracusanews.it/node/61806

http://www.deejay.it/news/dalla-sicilia-a-expo-2015-con-la-handbike-e-limpresa-dellatleta-samuel-marchese/437611/

http://cascina.fondazionetriulza.org/it/news/2015/08/14/dalla-sicilia-ad-expo-in-handbike-samuel-compie-limpresa/3380/

http://www.lapresse.it/foto/cronaca/samuel-marchese-arriva-dalla-sicilia-in-handbike-a-expo-milano-2015-1.746638?pos=3

http://www.iodonna.it/video-iodonna/personaggi-video/samuel-marchese-la-disabilita-e-negli-occhi-di-chi-guarda/

http://www.ansa.it/sito/photogallery/primopiano/2015/08/14/samuel-marchese-arrivato-ad-expo-in-handbike-dalla-sicilia_6d0ef55d-59ee-4f94-9021-045b285b641b.html

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_agosto_14/milano-expo-16enne-samuel-volata-all-expo-siracusa-bici-forza-braccia-null-video-1b1681b8-42ac-11e5-ab47-312038e9e7e2.shtml

http://www.reteregione.it/tag/samuel-marchese/

http://www.makeawish.it/il-sogno-di-samuel-in-bici-a-milano/

Video Introduttivo Slowmotion 

 

Video Corriere Della Sera

 

 

Immagini

 

Pubblicato in Eventi

Se cercate mare , tradizioni, relax, buon cibo e tramonti da favola Sciacca è una delle mete che non vi deluderà.

 

In collaborazione con BfB San Marco abbiamo prodotto 20 short videos per la promozione del territorio e della loro struttura turistica. I video dovevano avere una durata media di 30/60 secondi e pensati per il pubblico dei social media. Una recente ricercha ha dimostrato come i contenuti più virali del web erano appunto short video e la pubblicazione organizzata di questo tipo di contenuti incrementa la popolarità della pagina facebook e di conseguenza la notorietà della struttura turistica e del territorio.

 

I video dovevano essere spontanei e creati come se fossero stati fatti da turisti ma senza comprometterne la qualità che dervia dalla professionalità di chi li realizza. 

IMG_20150506_094416.jpg 

Questi sono un paio di esempi, seguite la pagina facebook per vederli tutti.

 

I video sono stati realizzati da Roberto Zampino  utilizzando:

 

- Canon 5d Mark II

- Canon 6d

- Glide cam (steadycam)

- Manfrotto tripod/head

- 85mm 1.4

- 50mm 1.4

- 17 - 40L

- 70 - 200L

- Longboard ( e già!)

- go pro Hero 4

- scorta infinita di mele, carote, babane e noci! 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Vario

ultimi articoli

Rajasthan - Fotografia e racconti di viaggio dall'India

Corso avanzato di fotografia a Catania & Extreme sport photography Workshop

Cosa succede dopo 3 giorni di corso di fotografia ? leggetelo attraverso le parole di chi ha partecipato

Slider

YOUTUBE CHANNEL

INSTAGRAM

newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità targate Slowmotion? Iscriviti alla nostra Newsletter!